Incontro della Forania di Eboli con don Paolo Gentili nella parrocchia di S. Bartolomeo

Errore Immagine!


Eboli, venerdì 11 marzo, alle ore 20.00, si è tenuto, nella parrocchia di San Bartolomeo, il secondo incontro di formazione, con don Paolo Gentili, Direttore dell'Ufficio Nazionale per la Pastorale Familiare. Di seguito alcuni stralci del suo intervento. "Conversione significa cambiare verso. È questo che ci chiede il Signore, di cambiare il verso della nostra vita... Non siate adoratori delle ceneri ma custodi della brace (Papa Francesco). Gli occhi di Dio sono quelli del seminatore. Ha talmente tanta fiducia in quel seme, che è certo che possa nascere frutto anche sulla strada o tra le spine. Siamo noi chiamati a creare un ambiente in cui il seme possa germogliare... Oggi serve una riscoperta del sacramento del Battesimo in veste sponsale. Accogliere le giovani coppie significa accompagnamento delle famiglie in tutte le loro dimensioni. Gli sposi sono sorgenti di vita per la comunità cristiana. Sono segni sacramentali viventi. Le difficoltà di oggi, per gli sposi, sono da ricercarsi nel cuore. La vera domanda da farsi è: "Cosa intendiamo per amore?" (Giovanni Paolo II). L'amore va costruito come una casa... sulla roccia. La roccia dell'amore vero... quello che viene da Dio, un amore stabile e per sempre. Con la convivenza si condivide tutto tranne il domani... C'è una cura a questa cultura del per sempre, che la comunità può offrire. Illuminare la promessa. La cosa che manca di più a due persone che convivono è la ‘Promessa’. Manca il sentirsi dentro l'abbraccio della promessa. Coppia nello stile di Emmaus. Gesù si ciba della tristezza dei discepoli di Emmaus... si fa loro accanto. Secondo quello che è emerso dal sinodo vi è uno sguardo familiare: scelte pastorali coraggiose nei confronti di chi vive situazioni irregolari. Arte dell'accompagnamento. Attenzione verso chi sta accanto. 5 vie... 5 verbi per la famiglia: Uscire da sé stessi (uscire dai nostri schemi); Annunciare (sussurrare, annunciare un amore che è misericordia); Abitare; Educare; Trasfigurare. Matrimonio: due estranei che insieme formano un legame di sangue. La famiglia introduce la fraternità nel mondo. I figli sono un dono... sono un regalo. Oggi una famiglia che educa è un segno grande davanti a coloro che guardano. Siamo tutti feriti ma possiamo portare agli altri la guarigione. Dire all'altro ti amo, significa dire all'altro "Tu non morirai mai!".


Cosimina Pili

21/03/2016 | 15:31:14


Torna Indietro